Google+ Followers

venerdì 11 gennaio 2013

La professione del terminologo presso un’agenzia di traduzioni (parte 4) Definizione una valida politica linguistica

« Il testo è il frutto di un processo di produzione in cui si ospitano delle tracce e si va incontro a un processo di interpretazione che funziona come una risorsa ».

Il terminologo definisce una corretta politica linguistica seguendo le seguenti fasi :
• Grazie al supporto di un capitolato il terminologo identifica:
  - I settori da prendere in esame
  - Le funzioni primarie a cui la terminografia si riferisce (marketing, traduzione, redazione…)

 
• Identifica i tipi, i modi e i supporti delle risorse previste
• Definisce le responsabilità nell’esercizio della convalida
• Definisce i mezzi impiegati come le risorse umane e i rispettivi livelli di competenza richiesti
• Fa convalidare l’insieme delle proprie decisioni o proposte da parte di un gruppo di persone che detengano la corretta competenza in materia
• Definisce le procedure e gli strumenti da utilizzare e implementare
• Definisce le priorità generali.

giovedì 10 gennaio 2013

La professione del terminologo presso un’agenzia di traduzioni (parte 3) Sintesi della sua mission

Professionalmente il terminologo crea e definisce una terminologia sempre e esclusivamente ad hoc - tale attività comporta diversi aspetti tra cui la recensione, l’integrazione e il trattamento di nuovi termini che appaiono nel proprio orizzonte professionale e nei settori di business di ogni suo committente. Inoltre, si assume l’incarico di garantire la sovraintendenza tecnologica, commerciale  e strategica del linguaggio utilizzato dal committente. Questa funzione ha luogo sfruttando un sistema di parole chiave / thesaurus, con generalmente l’impiego di software specializzati per l’esplorazione del Web, ricercando cosi’ tutte le informazioni che interessano strettamente il settore di attività del committente. Il terminologo è uno esperto della documentazione perché le sue strategie di ricerca sono estremamente efficaci  e perché la sua conoscenza delle lingue straniere è di elevatissima qualità. Svolge costantemente diverse funzioni intrinsecamente legate tra loro, che una ad una verranno approfondite in successivi articoli nelle prossime settimane:
 
Definizione di una valida politica linguistica
 
Produzione di una terminologia di qualità
 
Scelta e gestione delle risorse necessarie
 
Controllo della qualità delle risorse terminologiche
 
Convalida delle risorse terminologiche di cui si è già verificata la qualità
 
Garanzia di un controllo e tracking globale